Aggiornamenti

Social Networks

Sponsored by

ilariamauric.it è online dal 2009
15 gennaio 2010

Cambio vita (professionale).


Il 7 gennaio 2010 ho rassegnato le dimissioni. Per diversi mesi ho cercato di fare il punto e ho pensato a quello che vorrei fare, alle cose che mi danno soddisfazione e a quelle che mi piacciono di meno. Ho provato a fare i conti, immaginarmi scenari, valutare i pro e i contro… e alla fine mi sono detta: o lo faccio ora o non credo ci riuscirò di nuovo. Scritta così suona un po’ melodrammatica, lo so :P In fondo parlo di lavoro, ok… Ma quando, nel mio caso, il lavoro offre diversi momenti in cui posso mettere a frutto le mie passioni e i miei studi, il cambio di vita professionale diventa un po’ (o forse molto) anche cambio di vita personale. E quindi ho voluto rifletterci molto.

ho fatto il salto

Sarà che ho 34 anni (e mezzo) e che 10 anni in questo settore non mi sembrano pochi. Sarà che gli ultimi 2 anni li ho passati a lavorare ma anche a studiare e aggiornarmi in ogni momento extra-lavorativo. Comunque sia, ho iniziato a sentire un’esigenza sempre più forte di essere libera. Libera da cartellini e controlli, libera di dedicare tempo alla formazione e all’aggiornamento, nei modi e agli orari che preferisco. Una professione come la mia sfugge alle regole del cartellino e dello straordinario: una buona idea può venire a mezzanotte; il desiderio di approfondire una notizia, una tecnica o di “smanettare” per capire una qualche novità può folgorare a mezzogiorno… tutte cose che non si sposano bene con la normale esigenza di produttività richieste ai dipendenti di un’azienda. O, almeno, questo è quello che sento io – per me – a questo punto della mia vita.
C’è un altro aspetto, forse anche un filo masochista: quello di prendermi le responsabilità, metterci la faccia e godermi onori e oneri. E poi, ho capito di aver bisogno di leggerezza: lavorando da sola, posso decidere di sbattere il muso dove voglio, investire tempo e scoprire che forse l’ho solo sprecato, tentare strade diverse, altri metodi, nuovi approcci e modalità di lavoro, nuove persone, nuovi collaboratori, nuovi punti di vista. Tutto nuovo.

Ho voglia di mettermi in gioco e rischiare: due cose che mi fanno un po’ paura, perché perdo la sicurezza del posto fisso, soprattutto in questo particolare momento di crisi… ma vorrei acquistare una prospettiva completamente nuova sul lavoro, sperando mi porti stimoli di ogni genere.

In poche parole, penso che sia arrivato il momento di scommettere sulla mia professionalità.
Ecco perché sono contenta di aver lavorato per tanti anni con il Gruppo Manservigi e che i miei titolari abbiamo compreso i motivi di questa scelta. Faremo ancora strada insieme, solo che io ho bisogno di cambiare, muovermi, esplorare nuove aree. Mi aspettano momenti tosti. Immagino fasi difficili e sorprese di ogni tipo… alla faccia della libertà! :D Sarà così almeno finché non avrò trovato un nuovo ritmo e non avrò fatte tesoro delle esperienze che mi aspettano.

Quindi, dal 16 febbraio potrò svolgere il mio lavoro di art director come libera professionista.
Grazie a tutti quelli che mi hanno consigliato e dedicato un po’ del loro tempo. Grazie in particolare a mia sorella Barbara, senza la quale avrei avuto solo nebbia e indecisione in testa.

19 Commenti
  • E’ il quarto post che leggo oggi di cambio di vita professionale… vi siete scatenati tutti oggi :)?
    Comunque sia, in bocca al lupo per questa nuova avventura, mi sembra che hai lo spirito ed il coraggio giusti per affrontarla :)!

    E se proprio vuoi un parere, in questo periodo penso che anche la “sicurezza del posto fisso” non sia poi tanto… sicura!

  • beh, altri direbbero che “la congiuntura non è al momento delle più favorevoli”, ma io preferisco farti gli auguri :-) Benvenuta nel club!

  • Andrea Balducci
    Gen 16, 2010 alle 0:29

    In bocca al lupo!

  • Ti scopro oggi con questo post, in bocca al lupo. io ci sono passata anni fa, ma ero giovane con poca esperienza, ma poi con il tempo i risultati piano piano arrivavano.

  • ciao. avevo intuito qualcosa dai tweets dei tuoi colleghi. In bocca al lupo per tutto da me (e dal barone, da Kyria, da Edy e dal Dr. Timo, ovviamente). Senza cartellini, le soddisfazioni sono talmente grandi da far dimenticare le difficoltà. Congratulazioni quindi, e molto rispetto.
    paolo

  • ovviamente in bocca al lupo, con calma, fiducia, intraprendenza e voglia di stupire.

    enjoy ;)

    mike.

  • Imbocca al lupo e ricorda che il “posto fisso” è morto da un tempo… non capisco come si riesca a parlare di questo ancora oggi nel 2010.

    Spero solo non mi arriveranno fatture bestiali per i progetti grafici dei Mamuth :D

  • eccellente ila, uno stra-grande in bocca al lupo!!!!

  • Ciao Ila, che dire?
    In bocca al lupo e buona fortuna.
    Spero che questo nuovo percorso ti porti soddisfazioni e felicità, personali e professionali.

    A presto,
    Laura

  • In bocca al lupo e vai alla grande che la fortuna premia gli audaci

  • In bocca al lupo, le capacità ci sono, vedrai che sfonderai.

    Complimenti veramente per il blog

  • Un augurio sincero a te, che con grande spirito analitico hai saputo aprirti all’idea di libertà in questi momenti di forti indecisioni.
    Un augurio grande anche a quella parte di te, che sotto la spinta di nuovi impulsi e con il trasporto di un sentire libero, sicuro, svincolato, potrà librarsi nell’aere di una possibilità effettiva, tangibile, sicuramente nuova.
    Grande ammirazione per l’importanza della tua scelta, per la tua curiosità, per la forza che non credevo così smisurata in chi non conosce la parola “arroganza”.
    Sono qui mentre spicchi il volo.
    Tanti auguri!

  • Ciao Ilaria, ti faccio un grossissimo in bocca al lupo per questa nuova avventura.
    Fai parlare di te.

  • Stefano B.(proprio quello)
    Mar 3, 2010 alle 14:14

    guarda un pò cazzeggiando sul web cosa si scopre…Coraggio e forza non ti mancano, sei intelligente e creativa.

    Inoltre sei anche alta il che non guasta…a parte gli scherzi che tu possa essermi di insegnamento…

  • … non è semplice… ma nemmeno difficile… è un modo totalmente diverso di lavorare e gestire il tempo… da molta energia e ricarica le pile… una volta superato lo scoglio iniziale da molte soddisfazioni!

    Ciao
    Cattivik3

  • Ciao Elena. grazie mille per l’incoraggiamento. È passato qualche mese dal cambiamento e ne sono molto felice. Non tornerei mai indietro! Mi preparo a ogni tipo di sorpresa, tra tasse, fatture ritardatarie o non pagate e chi più ne ha più ne metta… ma spero di prendere presto le misure su tutto e continuare a divertirmi come adesso.

    ciao!
    ilaria

  • … vedrai con il tempo la tua parte account… capirà al volo la tipologia del cliente e quindi se chiudere o no un contratto… e lasciare a casa i clienti problematici :).

    … oggi sono due anni che sono free e non cambierei mai e poi mai con un lavoro di ufficio, mi piace scegliermi il cliente e progettare con lui una strategia adeguata senza vincoli di contratti/offerte blindate da esigenze di agenzia…

    … preferisco guadagnare di meno e avere più tempo per i miei hobby piuttosto che lavorare ad un progetto che non sento…

    … qiundi approvo in pieno il salto nel vuoto che hai fatto!

    ps. ne vale la pena!

    Ciao
    Cattivik3

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Informazioni e licenza


    Questo blog utilizza Wordpress è basato sul tema Gutenberg, modificato da me con i preziosi consigli di Nicolò e il fondamentale supporto di Luca
    Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti del mio blog sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 (Italia License).