Aggiornamenti

Social Networks

Sponsored by

ilariamauric.it è online dal 2009
18 gennaio 2013

Cooper U – corso di Interaction Design (giorno 3): appunti sparsi


Il titolo di questa terza giornata è stato “framework” ed è stata condotta quasi sempre da Chris. È stata veramente intensa ed effettivamente mi sono mossa in un territorio che conosco bene. Ma ho lavorato sui miei wireframe in modo diverso dal solito e, in più, sono rimasta sorpresa dal risultato che abbiamo ottenuto, sia grazie al lavoro fatto a monte che a qualche piccolo e utilissimo trucco.
La giornata di ieri era terminata con lo storyboard dei momenti chiave relativi al goal scelto per Ellen, la persona che abbiamo creato.

Mi aspettavo di dover trasformare questo storyboard in scenario e invece abbiamo iniziato a produrre alcune soluzioni che, alla fine, ci hanno aiutato a ridefinire il goal di Ellen. Il metodo lo chiamano (mi sembra) “5 minutes ideas” e serve a fare brainstorming sulla ux, usando il pensiero laterale. È un momento molto creativo e divertente, perché tutto è ammesso.

5 minutes ideas

Categorie:  eventi
4 novembre 2011

Dalla progettazione grafica su carta a quella su web.


Sabato 15 ottobre ero ad Ascoli all’AP Camp, su invito di Fabio Curzi. Grazie a lui e a quelli che sono venuti ad ascoltarci! Mi hanno chiesto di fare un intervento a due, una specie di “duello” tra grafica su carta vs. grafica su web: come cambia l’impostazione di un progetto, quali sono i limiti, le opportunità, i punti di incontro e le differenze. Gli “sfidanti” eravamo io e Cristiano di Schicchero Design, che ha introdotto l’argomento e presentato i punti che lui vede come limiti (non c’è uno sviluppo tridimensionale, sfogliabile, del prodotto finito; il monitor è limitato e non dà un’emozione tattile ecc. ecc.). Mi è piaciuto ragionare su queste cose, ho fatto mente locale su punti che do ormai così tanto per scontati che a volte finiscono per sfuggirmi.

La foto è di Anna Torcoletti. :)

14 settembre 2010

CSMA10: il mio bilancio (parte 2/3)


Luca Mascaro all’Experience Camp ci ha detto: “Lavoriamo, disegnamo, sviluppiamo e progettiamo, ma alla fine, solo nel momento in cui gli utenti usano il sistema, capiamo che fino a poco prima abbiamo solo fatto ipotesi. E che dovremo ricorreggere il tiro“. Le user stories mettono l’utente al centro, ma quante volte l’utente è seduto al tavolo a fare planning con noi? Non possiamo sperare nel progetto e nel cliente perfetti.
Ho ridisegnato il grafico creato da Jacopo per spiegare l’anello di feedback durante su un progetto. Inizio a riconoscermi in questo flusso di lavoro.

guardala grande su Flickr

Categorie:  eventi
16 luglio 2010

Dopo il seminario DotNetMarche, tante domande


Grazie alla segnalazione di Stefano Ottaviani, ieri ho seguito quasi tutto il 16° workshop organizzato da DotNetMarche: “Applicazioni SOA con Silverlight: dal design al deploy”, all’Università di Ancona (Facoltà di Ingegneria).

Ho ascoltato le sessioni mattutine, mentre quelle pomeridiane si sono rivelate troppo tecniche, per me. Così ne ho approfittato per scrivere questo post.

Categorie:  eventi
28 maggio 2010

Whymca 10: suggerimenti, critiche, risposte e una riflessione.


Nel post precedente mi sono dimenticata di aggiungere il link alla registrazione del mio intervento su u-stream:
http://www.ustream.tv/recorded/7091178
Ed ecco i punti principali che sono usciti alla fine.

Lo semplifichiamo?

Ero arrivata convinta di aver fatto tutto il possibile per asciugare l’interfaccia e le informazioni, finché Massimo non mi ha buttato lì questa frase: Mi piacerebbe che i grafici si chiedessero anche “Lo semplifichiamo?” e non solo “Lo complichiamo?”. Gli ho risposto che non avrei saputo come farlo più asciutto di così: avevo ridotto le funzioni al minimo, tolto tutto il superfluo (forse pure troppo, mi ha fatto notare mia sorella…), cosa potevo togliere ancora? A rispondermi, è arrivato Cristiano. Le funzionalità proposte nella tabBar potevano essere ridotte a due: calendario e settings. Chissà, forse Andrea Picchi, che ha parlato anche di “credenze”, direbbe che la mia convinzione di aver fatto tutto il possibile era appunto una credenza :) E infatti è vero: le tre funzioni “calendario passato”, “calendario futuro” e “aggiungi una data”, possono essere indubbiamente raccolte in un’unica funzione “calendario”, che è un pattern acquisito su smartphone. Nelle date future vedrò le ipotesi, in quelle passate le date certe… e ovviamente posso aggiungere una data dove mi pare. Più semplice di così!

23 maggio 2010

Whymca, 21 maggio 2010: la mia esperienza, quasi a caldo.


Il Whymca 2010 è stata un’esperienza splendida, oltre ogni aspettativa. Prima del mio intervento ero piuttosto preoccupata, perché era la prima volta che parlavo in pubblico e perché quasi tutti gli altri talk hanno avuto un taglio da sviluppatori. Però ero piuttosto tranquilla sul discorso che avrei voluto fare, anche grazie al “solito” Adriano e a mia sorella. Mentre Adriano ha avuto la pazienza di darmi vari consigli, Barbara è venuta con me a Milano e per tutta la mattina mi ha aiutato a fare ordine e mettere nella giusta sequenza i concetti che avrei voluto dire. E così tutto è scivolato via in poco meno di mezz’ora.
Dopo il Whymca, ho deciso di specificare che si tratta della versione 1.0.

Categorie:  eventi
22 dicembre 2009

Dolcevita Android – Parte 3: lo studio della grafica.


Impostando il primo file per Dolcevita, ho inziato ad incagliarmi sul problema della risoluzione: ma a quanti dpi deve essere il mio file? E quanto deve essere grande un’icona o un elemento per fare in modo che un dito riesca a toccarla correttamente?

Pagina elenco, primo wireframe

il primo wireframe della pagina elenco, troppo piena di informazioni non “toccabili” o poco leggibili.

Questo è il primo wireframe per la pagina elenco: lo stavo impostando praticamente come una pagina web. Titolo abstract, immagine…. tutte cose che su telefono sarebbero state davvero troppo. Lo schermo è oggettivamente piccolo, perciò il testo avrebbe dovuto essere in proporzione più rilevante rispetto a una pagina web. E poi immagine e abstract non servono. Avrei potuto aggiungere qualche icona più utile, come il numero dei partecipanti, la possibilità di contrassegnare un elemento come preferito, le etichette.

25 novembre 2009

Una settimana Agile


Se conosco il significato della parola “Agile” nel mio settore, lo devo in primissima battuta a Lorenzo Massacci, che sta facendo un enorme sforzo insieme alla sua azienda per passare da un metodo di lavoro prevalentemente classico (“a cascata”) a quello agile. Dato che lavoro con loro per quanto riguarda il design dell’interfaccia e l’usabilità dei progetti web, Lorenzo ha investito diverso tempo anche con me e mi ha invitato a partecipare a due eventi: il 18 novembre a e-xtrategy incontra xpug Marche e il 20 a Bologna all’Agile Day 2009. Per me sono stati due occasioni importanti, quindi mi scuso se questo post sarà un po’ lungo.

post-it agili

Categorie:  eventi
13 novembre 2009

Arrivare alla grafica passando per il wireframe.


Avrei dovuto segnarmi il giorno, ma lo ritrovo spulciando il blog e-xtrategy e quello di Jacopo Romei: quindi sì, era un giorno di giugno, un pomeriggio normale durante una giornata di lavoro normale. Michele mi chiama in riunione per discutere di un nuovo progetto ed esordisce dicendo “da oggi dobbiamo lavorare in modo agile”.

Eh?

agilmente
(grazie a Daniele Canonici per il disegno!)

Informazioni e licenza


Questo blog utilizza Wordpress è basato sul tema Gutenberg, modificato da me con i preziosi consigli di Nicolò e il fondamentale supporto di Luca
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti del mio blog sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 (Italia License).